Pagina 1 di 2

I Sali minerali sono indispensabili per il buon funzionamento del nostro organismo, non forniscono energie come i carboidrati o grassi, ma sono importanti per moltissime funzioni vitali.

Una delle distanze più classiche del mondo del podismo è la 10km. Spesso è la prima distanza che si affronta quando si passa dalla corsetta saltuaria ad un allenamento più strutturato e costante. In questo articolo daremo alcuni consigli su come affrontare la prima gara o allenarsi per migliorare il tempo sui 10.000mt. Anche se la distanza in un primo momento può sembrare notevole via via che ci si allena si capisce che il problema principale è il ritmo, piuttosto che la distanza.

E' sempre piuttosto difficile cercare di dare indicazioni in merito alla corretta alimentazione alle persone che praticano attività fisica. Prima di tutto perchè ognuno di noi ha il proprio metabolismo ed è quindi più incline ad assumere certi cibi piuttosto di altri (oppure non farne uso affatto, come vegetariani o vegani). In secondo luogo perchè in base al carico di lavoro ed al tipo di allenamento è opportuno alimentarsi in maniera diversa in particolar modo per quanto concerne le quantità di cibo.

Siamo praticamente al termine di questo ennesimo inverno anomalo caratterizzato da copiose nevicate nel centro-sud della penisola e decisamente avaro di precipitazioni nella parte più a nord. Chi non lo ha già fatto sta cercando le giuste motivazioni per rispolverare le scarpette e rimettersi a correre.

Fra i vari percorsi a disposizione dei runners nell’area Iblea, uno dei luoghi più suggestivi per correre è senz’altro il tracciato ricavato presso la Riserva Naturale Speciale Biologica “Macchia Foresta del fiume Irminio”.

In queste fredde sere invernali capita spesso di trovarsi con una cartina in mano a pianificare possibili itinerari in giro per i monti. Ci sono zone che anche su una mappa attirano più di altre, vuoi per la loro storia alpinistica, vuoi per la loro estensione, vuoi per la varietà di terreno e panorami che possono offrire. Un giro ad anello che ha attratto la mia voglia di sentieri è quello attorno al massiccio dolomitico del Sassolungo, a cavallo fra le provincie di Trento e di Bolzano.

Pensare di bere una sorsata d'acqua durante un'uscita di corsa a metà gennaio potrebbe far correre un brivido lungo la schiena a qualcuno, eppure il tema dell'idratazione durante gli allenamenti invernali di trail running non è cosa da prendere sottogamba!

Il  territorio  ibleo  è  estremamente  eterogeneo  dal  punto  di  vista  della  tipologia  dei   percorsi  per  chi  pratica  il  running.  Questa  settimana  analizziamo  quello  che  è   localmente  conosciuto  come  la  “salita  da  mista”,  su  sfondo  asfaltato,  molto   gettonato  per  le  sue  caratteristiche  tecniche.

Dopo un'intera stagione di corsa non sarà certo un po' di freddo a farci tirare i remi in barca...del resto, nel corso di un'intera stagione di corsa sulle nostre montagne, ne avremo viste di tutti i colori: caldo, umido, pioggia, vento!

I  podisti  dell’area  iblea  hanno  la  fortuna  e  la  possibilità  di  correre  in  posti  suggestivi,  dalle   strade  immerse  nel  barocco  ai  paesaggi  lungo  la  costa.

Sappiamo tutti che il Brenta è una delle catene montuose più famose e conosciute del Trentino. E' noto per le cime ed i sentieri (attrezzati o meno) della sua parte centrale. Quella che però molti ignorano è la sua parte settentrionale: la vastissima area montuosa che dai pressi del passo Grostè si sviluppa in direzione nord fino alle erbose pendici del monte Peller.

L’High Intensity Interval Training (HIIT) o Allenamento ad alta intensità intervallata, è un metodo di allenamento che prevede l'alternanza di fasi di corsa ad alta intensità a fasi di corsa a bassa intensità chiamate periodo di recupero attivo. Nasce come alternativa all’allenamento aerobico a frequenza cardiaca costante, conosciuto anche come “Steady State”.

Doveva essere una festa del trail e così è stato! Nel meraviglioso contesto delle Dolomiti di Brenta, patrimonio tutelato dall'UNESCO, è andata in scena la prima edizione di un trail che, a giudicare dagli entusiastici commenti dei partecipanti, ha fatto breccia nel cuore di gran parte dei 600 iscritti a questa lunga ed entusiasmante cavalcata. Un "sold out" annunciato che ha visto arrivare atleti da tutta Italia oltre che da molti paesi esteri: USA, Nuova Zelanza, Federazione Russa, Vietnam, Francia, Olanda, Belgio, Germania, Austria e Svizzera.

Il benessere psico-fisico di ogni individuo è influenzato da vari aspetti: emotivi, culturali, psicologici, fisici, geografici, ecc. Un elemento comune a tutti gli individui, di primaria importanza nella vita di ogni persona, è il regime alimentare.

L'itinerario di trail running proposto è forse unico per la sua varietà di paesaggi anche se risulta essere meno noto e frequentato rispetto ai percorsi che toccano i principali e più noti rifugi del gruppo dolomitico più occidentale: le Dolomiti di Brenta.

Ecco un altro argomento ricorrente che spesso tiene banco nelle chiacchierate tra trail runners: bastoncini sì, bastoncini no, solo nei vertical, solo se in proporzione allo sviluppo dell'uscita c'è anche tanto dislivello...

Pagina 1 di 2

Prodotti Mg.Kvis

Chi Siamo

Raccontiamo storie di persone, luoghi, sport e fatica.

Traduciamo in parole le emozioni delle nostre esperienze all'aria aperta.

Viviamo e condividiamo la nostra passione.

Scopri di più

Like us

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy