Pagina 1 di 2

Stavo per iniziare la salita all’Izoard, consapevole che sarebbe stata una salita di quelle che hanno fatto la storia, per cui decisi che il caldo che stavo sentendo dopo circa 110Km non era più sopportabile. Ero all’Etape du Tour 2017 e dopo aver superato il Col de Joux Plan dovevo scalare ancora il mito. Entrato all’ultimo ristoro per ripartire carico di carboidrati e liquidi, feci uno dei più grossi errori che mi porterò nel mio personalissimo bagaglio di esperienza.

Il nostro giro, in una assolata giornata di aprile, parte da Palermo in direzione Monreale, nostra prima tappa e meta obbligata per chiunque trascorra qualche giorno nel capoluogo siciliano.

Grande cruccio degli amatori è quello del come alimentarsi, cercando tra forum, libri e consigli di nutrizionisti, il sacro Graal. Carboidrati si o no, quanti, quali. 3 etti di pasta o un pugno di riso. Consigli di luminari che poi in pratica non si capisce come tradurre nella sostanza.

Mi rendo conto che questo non è il pulpito giusto da cui dirlo e che noi stessi abbiamo la coscienza un po' sporca, ma qualcuno deve pur dirlo: attenti ai social!

Uno dei temi più dibattuti dagli amatori è quello dell’alimentazione pre e durante l’allenamento, pre e durante la granfondo.

Da un paio di anni e cioè da quando ho provato la bici da corsa, mi sono reso conto che senza mangiare non puoi pensare di stare in bici per più di due ore.

L’inverno, nonostante sia sempre più corto e abbia temperature sempre meno rigide, porta con se un cambio di itinerari obbligato, seguendo il paradigma di percorsi più possibile soleggiati, salite non troppo lunghe e discese senza troppe zone d’ombra che possano ghiacciare.

Chi frequenta il lago di Como in bicicletta non può prescindere da un giro in Val d’Intelvi. Un’area che da bambino frequentavo per sciare, quando la neve ancora arrivava a coprire le cime di queste montagne.

Abbiamo già probabilmente sentito parlare di super-alimenti, dall’inglese super-foods che magari suona pure meglio. Ma la domanda che forse non ci siamo mai posti è: cosa trasforma un alimento in un super-alimento? E soprattutto, quali sono i 10 migliori super-alimenti per un ciclista?

Una tre giorni dedicata alla bicicletta in tutte le sue sfumature, questa è la migliore definizione che potremmo dare alla Prudential RideLondon, l’evento che si svolge ormai da 5 anni e precisamente dal 2012, anno caratterizzato dai Giochi Olimpici, nella capitale inglese.

Pensare ad un allenamento specifico, per un amatore, sarebbe una contraddizione nei termini. Chi come noi pedala alla ricerca di un mix di salute e turismo, dovrebbe farlo solo quando ne ha voglia, sul percorso più adatto al clima e alla forma del giorno, senza neanche guardare i dati e le prestazioni raggiunte.

Dovrebbe.

Dopo ormai una ventina d’anni di gran fondo, per ritrovare l’entusiasmo ci voleva qualcosa di nuovo: fatte le gran fondo classiche, fatto lo sterrato alla Strade Bianche, abbattuto il muro dei 300 km alla Mallorca 312, mancava solo una gran fondo cittadina … è tempo della Euroeyes Berlin Velothon, una granfondo di massa (11.000 iscritti) con tre percorsi cittadini (60, 120 o 180 km) aperti a tutti, dai cicloamatori professionisti a chi ritira fuori dal garage la graziella

Il mio primo giro del lago di Como in bici è stato quasi un dramma. Ho provato la mia prima crisi di fame e sono caduto lungo un tornate a Bellagio, all’intersezione tra la strada del lago e quella che scende dal Ghisallo, un posto mitico per lasciare i miei primi strati di pelle sull’asfalto.

Che tu sia un professionista delle due ruote o un amatore, la faccenda non cambia: per ottenere il meglio dalla performance in sella devi mangiare bene. E questo non solo la sera prima della prestazione o durante, ma tutti i giorni. Una buona abitudine alimentare è fondamentale per mantenersi in salute facendo prevenzione verso i malanni e permette di identificare con più facilità come e quanto arricchire l’alimentazione in vista della prestazione. Vediamo dunque qualche consiglio per una dieta del ciclista equilibrata.

E' in arrivo, non ci sono più scuse. Finalmente la primavera non è più un miraggio. Le giornate si allungano e il buio dell’inverno è ormai alle spalle. E’ possibile così programmare uscite impegnative, macinare chilometri e allenarsi per la stagione calda che verrà.

La Lombardia è una regione costellata di laghi. Senza considerare quelli alpini, i laghi lombardi occupano buona parte del territorio e sono tra i più conosciuti di tutta la nostra penisola. Uno fra questi è il lago di Iseo che, dall'anno scorso, è balzato all'onore delle cronache per la presenza della pittoresca passerella sull'acqua dell'architetto Christo.

Pagina 1 di 2

Prodotti Mg.Kvis

Chi Siamo

Raccontiamo storie di persone, luoghi, sport e fatica.

Traduciamo in parole le emozioni delle nostre esperienze all'aria aperta.

Viviamo e condividiamo la nostra passione.

Scopri di più

Like us

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy