Pedalare d'inverno: le gambe non devono andare in letargo! Bici e neve

Pedalare d'inverno: le gambe non devono andare in letargo!

L’inverno, soprattutto in certe zone d’Italia, può essere un vero ostacolo all’allenamento in bicicletta. Il freddo, le intemperie, le strade malmesse, però, non devono diventare una scusa. Per mantenere una buona efficienza fisica e scoprire aspetti del tutto nuovi nel pedalare, è fondamentale non lasciare la bici in soffitta, o nel garage, durante i mesi freddi e trovare le energie, anche mentali, per fare delle sgambate come si deve.

bici in invernoL'abbigliamento giusto

Innanzitutto è necessario dotarsi di capi tecnici giusti, leggeri e impermeabili nello stesso tempo, fatti con materiali che restituiscono calore e che lascino comunque traspirare il sudore. Le mani e i piedi sono i punti deboli per un ciclista che esce nelle giornate fredde. Avere guanti e copri-scarpe idonei è, più che auspicabile, necessario. Un consiglio che mi sento di dare è quello di portarsi dietro una maglia (intimo) di ricambio. Così anche la salita non è preclusa. Finito di sgobbare, si toglie la maglia sudata e s’indossa quella asciutta. Uno spettacolo.

bici in inverno02

Pedalare nel "diverso"

Pedalare quando ai fianchi della strada ci sono cumuli di neve, quando i raggi del sole trafiggono i rami spogli degli alberi, quando il silenzio regna sovrano è un piacere assoluto. Le strade che si fanno abitualmente dalla primavera all’autunno, in inverno assumono una fisionomia completamente diversa. Sembra di pedalare in luoghi sconosciuti, anche se non è affatto vero. E’ un aspetto, questo, che aiuta ad allenarsi ancora meglio, perché alla fatica del pedalare si associa una gioia inaspettata, un piacere intimo. Imbottiti nei completi tecnici, infreddoliti dalle basse temperature, non è alle medie che si deve guardare, non è alla velocità che si dà credito. E’ al piacere che bisogna dare importanza.

Pedalare d’inverno è come mettere legna in cascina

Che verrà buona nel momento più opportuno.

bici in inverno

In bici con calma

E’ chiaro, d’inverno non è pensabile fare lunghe uscite, a meno che il meteo non lo permetta. Però due o tre ore di buone pedalate sono più che sufficienti a garantire che la gamba non vada in letargo. Una borraccia termica può aiutare. Oggi ci sono tantissime soluzioni, espedienti e opportunità che permettono di prendere la bici anche nelle giornate più fredde. E un’uscita almeno la settimana è più che consigliabile. Negli altri giorni allenatevi in palestra o sulla cyclette se volete. Ma non smettete di uscire all’aperto e di inseguire i vostri sogni. E se la bici s’imbratta di brutto, niente di male. Pulitela, sistematela e tenetela al riparo fino alla pedalata che verrà.

bici in inverno

Autore

Francesco Ricci

Scrittore, copywriter, ciclopensatore, Francesco Ricci ha pubblicato Il ’68 a pedali, diario di un ciclista immaginario che corre il Giro d’Italia a fianco di Eddy Merckx; Bella ciao, ricostruzione, tra storia e finzione, di un breve e tragico amore nell’estate del 1944; Velopensieri, riflessioni transitorie sul pedalare, cosa che fa da oltre vent’anni quando e appena può; Fatto di sangue, il doping nel ciclismo rappresentato per la prima volta in una fiction romanzesca. Ha realizzato per RAI Alto Adige Riparare la terra, documentario in memoria di Alexander Langer.

Sito web: www.biciclettecosmiche.it/

Social Network

Lascia un commento

Prodotti Mg.Kvis

Chi Siamo

Raccontiamo storie di persone, luoghi, sport e fatica.

Traduciamo in parole le emozioni delle nostre esperienze all'aria aperta.

Viviamo e condividiamo la nostra passione.

Scopri di più

Like us

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy