La Menaggiata: itinerario in bici sul lago di Como da urlo Como - Menaggio in bici

La Menaggiata: itinerario in bici sul lago di Como da urlo

L’inverno, nonostante sia sempre più corto e abbia temperature sempre meno rigide, porta con se un cambio di itinerari obbligato, seguendo il paradigma di percorsi più possibile soleggiati, salite non troppo lunghe e discese senza troppe zone d’ombra che possano ghiacciare.

Como - Menaggio in bici

I km si accorciano e, gioco forza, gli itinerari trai quali scegliere si riducono. Gli intimi tecnici e le giacche windstopper hanno reso meno esasperante l’obbligo ma, di fatto, d’inverno si fa il solco su quel tratto di strada che collega Como e Menaggio, 70 km aller-retour. E non c’è di che lamentarsi, perchè, se non se ne conoscesse a memoria ogni tombino, sarebbe un itinerario da urlo.como menaggio

Si pedalano 6 km per arrivare a Cernobbio e lasciarsi per la prima volta alle spalle il grosso del traffico,dimenticandosi delle auto sulla regina nuova per attraversare la strettoia famosa per le brioches del Poletti, passare davanti a Villa d’Este, per anni considerato il miglior albergo al mondo, e rompere il fiato sui 600 metri del Pizzo. Subito si svolta a destra sulla strada vecchia, sulla quale appaiarsi senza sentire il clacson di automobilisti nervosi e poi, fino a Torrigia, si mettono nelle gambe 15 km di assoluto relax.como menaggio07

La “menaggiata” nel gergo dei lakers si può però interpretare in mille modi; come sopra, soprattutto se hai scelto una compagnia che del motto “va adasi” ne ha fatto una religione, o come allenamento fuori tutta a caccia di PR, nella pancia dei grupponi che arrivano dalla Brianza con il coltello trai denti. C’è chi dice che tenere il loro ritmo d’inverno ti fa la differenza d’estate. como menaggio10In questo caso la variante non è solo nella media oraria, ma anche nel percorso: finito il pizzo non si gira a destra, ma si sta alti sulla regina nuova, incrociando l’uscita dalle gallerie di ducatisti con le saponette sulle ginocchia. Panza a terra ci si ricongiunge con il “va adasi” tour, che nel frattempo sulla bassa uno sguardo distratto alla Villa Oleandra di George Clooney l’ha dato.como menaggio02

Da Torrigia a Brienno, sia che si faccia parte dei fabbri che dei rilassati, bisogna menare, perchè si è in mezzo al traffico, e bisogna raggiungere in fretta Brienno, 2 km dopo, dove le macchine entrano in galleria e i ciclisti fanno la voce grossa, riempendo le corsie in entrambi i sensi di marcia, veri padroni della strada. Dall’uscita del paese ad Argegno sono altri 2 km di paura e delirio, che si esauriscono con il bivio per la Val d’Intelvi che dimezza il traffico e lascia la seconda parte del tracciato con un giusto equilibrio tra ciclisti e automobilisti.como menaggio

A bocca aperta fino a Menaggio

Soprattutto d’inverno, quando l’invasione turistica è ridottissima, è un percorso obiettivamente spettacolare, che quando ci porti uno per la prima volta lo fa tutto con la bocca spalancata:”è la strada che faccio quando esco in pausa pranzo” lo dice con l’orgoglio e l’arroganza di chi sa di avere un playground che nessun altro ha. Come dire che il proprio oratorio è San Siro, la collinetta dietro casa la Streif.como menaggio04

Fino a Menaggio, è un’unica strada che lascia spazio a delle varianti, come quella di Mezzegra che passa davanti al luogo dove fu ammazzato Mussolini, per poi correre a mezza costa con paesaggi a dire poco spettacolari vista Isola Comacina.

Il difetto dell’itinerario sta nel ritorno: bici girata e via sulla stessa strada dell’andata, dopo il maritozzo di rito sul retro della piazza di Menaggio.como menaggio05

70 km, allez-retour, per chi vuole fare la gamba, ma anche per chi si vuole rilassare chiacchierando.como menaggio06

Autore

BikeLikeALaker

Gio, Max e Simo tre ciclisti che vivono sul lago di Como e che girano abitualmente sulle strade che lo circondano. Raccontano le sensazioni che provano in sella alle loro bici, in strada o in montagna ed hanno scoperto che qualcuno legge le storie che scrivono, così continuano a scrivere e ad evolvere sia come ciclisti che come autori. 

Sito web: www.bklk.it

Lascia un commento

Prodotti Mg.Kvis

Chi Siamo

Raccontiamo storie di persone, luoghi, sport e fatica.

Traduciamo in parole le emozioni delle nostre esperienze all'aria aperta.

Viviamo e condividiamo la nostra passione.

Scopri di più

Like us

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy