I  litorali  iblei:  da  Sampieri  a  Pozzallo Pineta Mangiagesso

I  litorali  iblei:  da  Sampieri  a  Pozzallo

I  podisti  dell’area  iblea  hanno  la  fortuna  e  la  possibilità  di  correre  in  posti  suggestivi,  dalle   strade  immerse  nel  barocco  ai  paesaggi  lungo  la  costa.

La realtà del comune di Modica dove vi è una forte presenza di amatori di buon livello, ma anche di atleti di caratura nazionale, non ultimo Giuseppe Gerratana nazionale azzurro nei 3000 siepi, ha negli anni creato una serie di circuiti dove allenarsi.itinerario sampieri

Un percorso molto frequentato si trova lungo la litoranea che costeggia il mare, che va dalla frazione di Sampieri alle zone balneari adiacenti come Marina di Modica e Maganuco. Questo percorso è molto tecnico, con un fondo vario con appoggi che vanno dall’asfalto della pista ciclabile al bagnasciuga della spiaggia fino allo sterrato. Il tragitto si estende per svariati chilometri dove si possono ricavare diverse varianti con circuiti che vanno dai 12 ai 24 km, con lievi pendenze e con poco dislivello.itinerario sampieri

La vicinanza al mare e la bassa latitudine fanno si che durante tutto l’anno, ad eccezione dei mesi estivi caratterizzati da caldo e afa, vi sia una temperatura mite ideale per la corsa. La zona è stata infatti per molti anni meta della nazionale di marcia che svolgeva dei raduni proprio nei mesi di dicembre-­‐gennaio.itinerario sampieri

Il percorso è molto utilizzato dai runners per svolgere allenamenti estensivi, ottimo per chi prepara maratone e mezze-­‐maratone, ma anche splendido per il corridore occasionale che ama abbandonarsi e dimenticare stress e lavoro. Si possono svolgere dei lunghissimi con obbiettivo maratona fino a 36km, ma viene anche utilizzato per fare dei progressivi o dei “variati”. La diversità di terreno su cui correre favorisce il rafforzamento delle caviglie, l’aspetto propriocettivo della corsa e non è mentalmente monotono. Tenuto conto che i tre differenti tipi di fondo (asfalto, sabbia e sterrato) sono in sequenza, un podista può scegliere di correre o in un solo tipo di fondo o in tutti e tre. Alcuni podisti ad esempio usano la parte in asfalto come riscaldamento per poi svolgere un allenamento di interval training sulla spiaggia. Il percorso è poco indicato per svolgere allenamenti di alta intensità come ripetute brevi.

Oltre ai podisti però, non è raro incontrare diversi bikers.

itinerario sampieri

Generalmente il punto zero è a Sampieri (Frazione di Scicli) con ritrovo dietro lo chalet del Pata-­‐Pata (locale storico molto rinomato nella zona), dove si trova anche un ampio parcheggio per poter lasciare le auto e prepararsi godendosi il rumore delle onde e il caldo sole siciliano. I primi chilometri si percorrono sulla pista ciclabile che costeggia la spiaggia e che si articola lungo la pineta adiacente; qualche km e si incontra una leggera salita superata la quale si può gustare La Fornace Penna, un monumento di archeologia industriale che si trova in contrada Pisciotto, per poi passare al caratteristico lungomare di Marina di Modica (Frazione di Modica) da dove ci si immette sulla spiaggia che porta Fino a “Punta Regilione”. Il restante percorso è su sterrato leggermente sabbioso che porta fino alla spiaggia di Maganuco fino ad arrivare al porto di Pozzallo. Quindi si ritorna indietro, con la possibilità in alcuni tratti di poter scegliere se correre sulla spiaggia sabbiosa o lungo la pista ciclabile.itinerario sampieri

Al termine dell’allenamento doveroso il bagno a mare nei periodi più caldi o “un’inzuppata“ fino all’altezza delle cosce d’inverno per un'azione di crioterapia. Per cui, se venite a correre lungo questo percorso non dimenticate ciabatte, telomare e costume, e se siete soddisfatti dell’attività fisica appena svolta potete concludere con una granita di gelso con vista sul mare, come integratore.

Autore

Salvo Pisana

Salvatore Pisana, nato a Modica (RG) nel 1972, si mette in luce come buon mezzofondista nel corso degli anni '90. Dopo essersi diplomato presso l'I.S.E.F. di Palermo nel ’95, consegue un master in “Teoria dell’allenamento” nel 2001 e la laurea in Scienza e Tecnica dello Sport nel 2006 presso l’università di Tor Vergata a Roma.
E’ responsabile Fidal Sicilia per il mezzofondo dal 2008 e allenatore specialista di 3 livello. Da allenatore vanta al suo attivo 7 titoli italiani (fra cross strada e pista).

Sito web: www.runningitalia.it

Lascia un commento

Prodotti Mg.Kvis

Chi Siamo

Raccontiamo storie di persone, luoghi, sport e fatica.

Traduciamo in parole le emozioni delle nostre esperienze all'aria aperta.

Viviamo e condividiamo la nostra passione.

Scopri di più

Like us

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy