Allenarsi in pausa pranzo: come curare l’alimentazione Mandorle

Allenarsi in pausa pranzo: come curare l’alimentazione

Otto ore in ufficio, il tempo perso nel traffico o sui mezzi pubblici, e poi ancora la famiglia, i figli e altri impegni vari. Risultato: spesso non si ha il tempo di allenarsi.

Pausa pranzo: occasione da sfruttare

Per questo motivo molti approfittano della pausa pranzo per i propri allenamenti. Sfruttare la pausa pranzo inoltre è utile per staccare mentalmente dal proprio lavoro, per tornare alla propria attività con nuove energie. Fondamentale è però una corretta alimentazione di modo non solo da non compromettere il raggiungimento dei risultati sperati, ma anche per poter affrontare al meglio l’intera giornata. Vietato assolutamente saltare il pranzo, ne risentiremmo tutto il pomeriggio; d’altro canto non possiamo nemmeno abbuffarci con la scusante di aver bruciato calorie poco prima. Il consiglio è quello di strutturare l’alimentazione in tre pasti essenziali: colazione, spuntino e pranzo.ufficio

Colazione

La colazione deve essere abbondante, con un corretto bilanciamento tra proteine e carboidrati. Potremmo quindi assumere pane o fette biscottate, cereali, latte, caffè, yogurt (formaggio o prosciutto possono essere un’ottima alternativa salata).

Spuntino

Un’ora e mezza circa prima di andare ad allenarci facciamo una piccola pausa per assumere carboidrati e calorie per un totale di circa 200 calorie. Sono da preferire cibi leggeri e molto digeribili come ad esempio un pezzo di formaggio stagionato o della frutta secca, in particolare modo mandorle, ricche di proteine e grassi monoinsaturi, oltre a calcio, magnesio e fosforo. Per avere un’idea delle quantità, 100 gr di mandorle contengono circa 580kcal, 20 gr di carboidrati, 50gr di grassi e 21gr di proteine.noci

Pranzo

Come dette è assolutamente vietato saltare il pranzo, ma allo stesso tempo appesantirsi troppo. Possiamo assumere carboidrati con un’insalata di farro, del riso nero o un panino con affettati magri come la bresaola e delle verdure. Se si vuole anche un secondo, dobbiamo preferire carni bianche (pollo, tacchino, coniglio) o pesce azzurro (sardine, aringhe, alici etc). Se possibile evitiamo dolcini vari… E la merenda? Nel pomeriggio potrebbe venirci un pò di appetito: possiamo tamponare con un frutto, dello yogurt magro o anche in questo caso con delle mandorle o delle noci, ricche anch’esse di proteine vegetali, di omega 3 e grassi monoinsaturi.

Autore

Andrea Cassanelli

Nato a Carpi nel '68, è istruttore Fidal dal 2013 e preparatore nella SG La Patria Carpi dal 2010

Da atleta vanta un tempo di 2h59' nella maratona Maranello-Carpi del 2005 e di 1h:22' nelle Mezza Maratona di Reggio-Emilia del 2004.

La sua passione è stata però sempre quella di allenare, tanto che di se stesso dice "Continuo a correre per passione ed un pizzico di competitività, ma quello che desidero di più è trasferire tutto il bello della corsa agli altri"

Sito web: www.runningitalia.it

Lascia un commento

Prodotti Mg.Kvis

Chi Siamo

Raccontiamo storie di persone, luoghi, sport e fatica.

Traduciamo in parole le emozioni delle nostre esperienze all'aria aperta.

Viviamo e condividiamo la nostra passione.

Scopri di più

Like us

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy